Paolo Troncon

Curriculum

Paolo Troncon ( Treviso 1959) è un compositore e pianista italiano. Dal 30 giugno 2004 all’A.A. 2009-2010 è stato direttore del Conservatorio di Musica di Vicenza. È stato eletto direttore del Conservatorio di Musica di Castelfranco Veneto per il triennio 2010-2013.

Formazione artistica

Si è diplomato in Pianoforte, Composizione e Musica Corale e Direzione di Coro, studiando con Anna Barutti e Giorgio Lovato (pianoforte), Ugo Amendola, Aldo Clementi, Boris Porena,  Niccolò Castiglioni  e Wolfango Dalla Vecchia (composizione) nei Conservatori di Venezia, Milano e Padova. Ha inoltre studiato filosofia all’Università “Ca’ Foscari” di Venezia.

Attività accademica

Ha ottenuto la cattedra di Armonia Complementare in Conservatorio nel 1997 (titolarità a Vicenza dal 1999), dopo aver insegnato in vari Conservatori veneti Armonia e Contrappunto, Armonia Contrappunto Fuga e Composizione e Analisi Musicale.
Ha inoltre svolto attività didattica presso istituzioni pubbliche (Conservatori, Università) e private in occasione di convegni, o corsi, seminari e conferenze riguardanti l’analisi musicale. Si ricordano tra l’altro: la S.I.E.M. (1994), l’Università di Cosenza e la rivista SONUS (1995); l’Università di Trento (1997); l’Università Ca’ Foscari di Venezia, Dipartimento di Filosofia e Teorie delle Scienze (per docenza nei master di “Linguaggi non verbali” negli anni 2002, 2004 e 2005); il Conservatorio di Padova (Analisi Musicale, 2003, 2004).
Ha organizzato vari seminari e convegni di analisi musicale con importanti personalità del settore (Marco De Natale, Mario Baroni, ecc.), tra cui il II convegno di “Analitica” (Castelfranco Veneto, 2001).

Attività editoriale e scientifica

È direttore responsabile dalla sua nascita (1991) della rivista analitico-musicologica “Diastema”,  specializzata nel settore dell’analisi musicale, della composizione, dell’interpretazione musicale. Della rivista sono stati pubblicati 14 numeri con Ensemble 900 di Treviso (la cui attività editoriale è tuttora portata avanti dall’Associazione Diastema Studi e Ricerche e tre con l’editore IEPI di Pisa. È inoltre curatore delle collane librarie e delle partiture collegate al nome della rivista, pubblicando circa una quarantina di volumi riguardanti vari settori: analisi musicale, didattica, musicologia, stampa di composizioni inedite e di opere di autori contemporanei.
È autore di saggi analitici pubblicati nei nn. 0, 1, 3, 5, 6 di Diastema, traduzioni e recensioni librarie, più il saggio “Spunti per un’analisi delle Sinfonie di Beethoven” pubblicato in Maratona Beethoven, Conservatorio di Udine, 2004. È autore delle analisi delle sinfonie di Beethoven pubblicate nel volume Beethoven e nove Sinfonie (Ensemble 900, 1994). Ha scritto il manuale didatticoArmonia tonale (Pizzicato, 1989).
È stato membro del comitato scientifico del G.A.T.M. (Gruppo Analisi e Teoria Musicale) presieduta da Mario Baroni,  curando per la stessa il numero 6.1. Analisi ed esecuzione (Bologna, 1999, riguardante il rapporto tra analisi e interpretazione musicale) dove è pubblicato anche il suo saggio “Analisi per l’interpretazione nella musica di repertorio: aspetti logici e filosofici di un rapporto problematico irrisolto nel panorama del pensiero analitico contemporaneo”.
Da anni si occupa e studia metodologie di studio dell’analisi di esecuzioni pianistiche anche con l’utilizzo di strumenti elettronici (Disklavier, computer).
Con Lino Vianello e Mario Paolini studia da anni metodi di applicazione dell’analisi in performance musicali di soggetti con disabilità mentali.

Esperienze nel ramo dell’organizzazione dello spettacolo

È stato fondatore e co-direttore artistico (insieme a Stefano Mazzoleni, dal 1996 fino al 1999) del festival interdisciplinare “Finestre sul Novecento”, articolato in conferenze, dibattiti, concerti, su temi della modernità nella letteratura, filosofia, arte e musica. A tali conferenze hanno preso parte personalità rilevanti della cultura italiana tra cui: Emanuele Severino,  Oliviero Toscani,  Edoardo Sanguinati, Achille Bonito Oliva. Il Festival (dal 1997 è riconosciuto e finanziato anche dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali) ha promosso e prodotto anche composizioni musicali in prima esecuzione e ha realizzato, con il proprio gruppo strumentale Ensemble 900 e l’orchestra Filarmonia Veneta.

È stato direttore artistico del Concorso di Esecuzione Pianistica “Premio Città di Treviso”, manifestazione storica fondata nel 1954. In particolare ha organizzato e diretto le edizioni del 2000, 2001, 2002 e 2004 del concorso, nonché la 22ma e 23ma edizione del Concorso di Composizione Pianistica “G.F. Malipiero” (2001 e 2002).

Ha inoltre ideato e organizzato il “KlavierTheather”, rassegna di nuove produzioni teatrali e musicali con l’uso del Disklavier con prime esecuzioni di opere di Maurizio Pisati,  Carlo De Pirro,  Paolo Troncon e Pierangelo Valtinoni.

Pianista

Come pianista ha svolto attività concertistica dal 1980 al 1996 in duo pianistico, duo con violino, formazioni cameristiche e come accompagnatore di cantanti e cori, in particolare con repertori di musica del Novecento. Recentemente si dedica quasi esclusivamente all’esecuzione di proprie composizioni o di propri arrangiamenti in collaborazione con la cantante Donella Del Monaco che accompagna in diversi repertori e in diverse formazioni in Italia e all’estero.

Compositore

Come compositore è autore di varia musica per pianoforte, cameristica (vari organici), corale, nonché trascrizioni orchestrali e arrangiamenti per vari organici. Le sue composizioni sono edite da Pizzicato, Ensemble 900, Festival Organistico “Città di Treviso”.

Composizioni editate su CD:

  • Orchestrazioni in: S. Gobatti, Brani da opere e composizioni cameristiche, Bongiovanni (Orchestra Sinfonica HRT della Radio-Televisione Croata); Canti di natale, Rivoalto (Coro “Sante Zanon” e Orchestra Filarmonia Veneta);
  • 2001 Sei composizioni su canti tradizionali trevigiani e veneti, in “Merica Merica”, Opusavantrastudium, Treviso e Lussemburgo. (Donella del Monaco, soprano);
  • 2003 Venetia et animaOpusavantrastudium, Treviso e Lussemburgo (con Donella del Monaco);
  • 2005 Sei Preludi e FugheMusic & Arts, Berkley-California (Carlo Grante, pianoforte);
  • 2005 L’Immensa NotteLineadombra, Conegliano Veneto (per la grande mostra a Brescia su Van Gogh e Gaugin del 2004-05);
  • 2007 Variazioni su un corale di W. Dalla Vecchia, in Ex Vetera NovaFestival Organistico di Treviso;
  • 2008 L’ora della seraLineadombra, Conegliano Veneto (per la mostra a Brescia “America” del 2007-08).

Sei Preludi e Fughe sono dedicati a Carlo Grante che li ha eseguiti eseguiti in I mondiale nella Wigmore Hall di Londra, 1999. Altri pezzi in miscellanee: “Chant e deport”, in Fragments(OpusAvantra Studium, 2002).

Ha inoltre scritto le musiche per diversi spettacoli teatrali originali:

  • Una losca congiura (testi di Sergio Tofano, commissione e produzione Teatro Stabile del Veneto, regia C. De Luca, 1989).
  • Tiri in porta (testi, regia, attore: Marco Paolini, 1991).
  • Cardiodramma e L’Anima sui cop (testi originali di Luciano Caniato, commissioni Provincia di Treviso, regia Mirko Artuso, 1999 e 2001).
  • Assenze (testi di Samuel Beckett), La chiave dell’ascensore (testi di Agota Kristof) e Sinfonia in si minore (testi di Joseph Roth) (commissioni e produzioni del “KlavierTheather”, regia Raffaello Padovan, 2000, 2001, 2002).
  • Il giro del cielo (testi di Daniel Pennac, commissione e produzione Lineadombra, regia di Sandro Buzzatti, 2000).
  • Lontano dal mondo (testi di Marco Goldin, con Sandro Buzzatti e Gilberto Colla, 2005). *Inferno XXI in Malebolge: una festa (Teatro del Lemming e Conservatorio di Rovigo, 2004).

Visualizza abstract